Flong

Printed from www.flong.com/texts/interviews/interview_cippitelli/
Contents © 2017 Golan Levin and Collaborators

Golan Levin and Collaborators

Interviews and Dialogues




Video interview by Lucrezia Cippitelli

Cippitelli, Lucrezia. "Direct Digital. L'interazione uomo-macchina secondo Golan Levin". Agenzia Multimediale Italiana, 6/23/2009.

A video player will show here.

«Che succederebbe se l'opera d'arte sapesse come la osserviamo?»

Quarta e ultima puntata dello speciale sul Festival internazionale di arte e nuovi media Direct Digital di Modena. Golan Levin, artista di New York rinomato per la sua ricerca su codici, macchine e interazione con lo spettatore, parla della sua installazione Opto-Isolator.

Golan Levin è conosciuto per la sua pratica artistica che mescola ricerca su codici e macchine e interazione con lo spettatore e per il suo ruolo di educatore e ricercatore al Massachusetts Institute of Technology (MIT). Dalla metà degli anni Novanta, Levin lavora alla programmazione e messa a punto di sistemi di creazione, manipolazione ed uso performatico di suono e immagine.

La sua dote per i codici e la sua ricerca sui linguaggi dell'interattività e sulle loro possibili applicazioni in diversi formati espressivi (installazioni, performance audiovisive, sistemi cibernetici in grado di interagire e rispondere con il comportamento di un osservatore) lo hanno reso un artista accettato e rispettato sia dalla comunità dei Nuovi Media, in cui di fatto si muove partecipando a Festivals come Ars Electronica, sia nel mondo più ingessato dell'Arte con la "a" maiuscola, specialmente negli Usa dove risiede, con le sue partecipazioni al New Museum di New york o alla Whitney Biennale.

Levin è rappresentato dalla lanciatissima galleria Bitforms di New York, specializzata nella commercializzazione di arte e artisti che lavorano con media e tecnologie.

Il suo sito, Flong: Interactive Art by Golan Levin and Collaborators, contiene non solo la descrizione e documentazione visiva dei lavori realizzati a partire dalle sue prime collaborazioni nel 1994, ma anche una serie interminabile di testi teorici e critici - da buono studioso inquadrato nel sistema educativo Usa - dove mescola la sua attività di studioso ed educatore (Levin insegna alla Carnegie Mellon University "Electronic Time Based Art") alla messa a punto di un sistema critico che inquadri anche il suo lavoro.

Levin è stato invitato al Festival Direct Digital con la sua installazione Opto-Isolator (2007), un'installazione che risponde al questito: «che succederebbe se l'opera d'arte sapesse come le osserviamo? E, sapendolo, come risponderebbe?». Levin spiega il suo lavoro ai microfoni di (ami).